giovedì 4 gennaio 2018

Recensione serie "Alice Allevi"; Alessia Gazzola

Autrice: Alessia Gazzola
Titolo: Le ossa della principessa (Alice Allevi #3)
Prezzo: cartaceo 13,50 e-book 8,99


Link d'acquisto: QUI



Serie Alice Allevi:
1,5)Sindrome da cuore in sospeso
1)L'allieva
2)Un segreto non è per sempre
2,5)Un regalo inatteso
3)Le ossa della principessa
4)Una lunga estate crudele
5)Un po' di follie in primavera
6)Arabesque





“Domandare non costa che un istante di imbarazzo, non domandare è essere imbarazzati per tutta la vita.





Trama

Benvenuti nel grande Santuario delle Umiliazioni. Ossia l'istituto di medicina legale dove Alice Allevi fa di tutto per rovinare la propria carriera di specializzanda. Se è vero che gli amori non corrisposti sono i più strazianti, quello di Alice per la medicina legale li batte tutti. Sembrava quasi che la sua tormentata esistenza in Istituto le avesse concesso una tregua, quanto bastava per provare a mettere ordine nella sua sempre più disastrata vita amorosa, ma ovviamente non era così. Ambra Negri Della Valle, la bellissima, brillante, insopportabile e perfetta Ape Regina, è scomparsa. Difficile immaginare una collega più carogna di lei, sempre pronta a mettere Alice in cattiva luce con i superiori, come se non ci pensasse lei stessa a infilarsi nei guai, con tutti i pasticci che riesce a combinare. Per non parlare della storia di Ambra con Claudio Conforti, medico legale affermato e tanto splendido quanto perfido, il sogno proibito di ogni specializzanda... E forse anche di Alice. Ma per quanto detesti Ambra, Alice non arriverebbe mai ad augurarle la morte. Così, quando dalla procura chiamano lei e Claudio chiedendo di andare a identificare un cadavere appena ritrovato in un campo, Alice teme il peggio. Non appena giunta sulla scena del ritrovamento, però, mille domande le si affollano in mente: a chi appartengono quelle povere ossa? E cosa ci fa una coroncina da principessa accanto al corpo?


"Non è vero che i bei ricordi consolano, anzi. Non sono un caldo rifugio durante le avversità, balle. I bei ricordi tormentano, perché non torneranno.





Recensione

Buongiorno e ben ritrovati sul blog con la recensione del terzo volume della serie di Alice Allevi; questa volta Alice è alle prese con la scomparsa di una sua collega, Ambra Negri Della Valle (sì, esatto, la cosiddetta Ape Regina del dipartimento dove Alice lavora); la scomparsa di Ambra, coincide (forse per caso, forse no) con il ritrovamento del cadavere di qualcuno che viene definito "La principessa". All'inizio Alice teme che il corpo sia quello di Ambra, ma per fortuna non è così; sappiamo già che Alice è parecchio simile a Bridget Jones (visti i guai che combina), ma anche brava in indagini che non le dovrebbero competere, ecco perché tra una scoperta e l'altra, è lei a risolvere il caso di Viviana la "principessa" ritrovata. E i collegamenti che fa, la portano a scoprire tante cose sul passato di Ambra, ma anche a scoprire cose che non si aspettava, e che quasi sicuramente nessuno si aspetterebbe mai, tanto meno da una come Ambra Negri Della Valle. 
In questo volume inoltre, salta fuori l'amore di Viviana per l'archeologia (ecco perché è andata in Palestina) e si parla anche della sua storia con Daniel, il tutto intrecciato ad Ambra.
Quanto alle sue avventure o disavventure, ancora non so dargli una definizione precisa, amorose, non è che vadano proprio benissimo... Apparentemente sembra che si riavvicini ad Arthur, ma poi, andando avanti capisce che loro non sono destinati a stare insieme, non sono assimilabili; Alice qui si rende conto del fatto che:  “È meglio un amore non corrisposto che un amore corrisposto a metà. Chi ci ama poco ci fa soffrire decisamente di più di chi non ci ama affatto." ; quello che mi domando io è: possibile che quello giusto per Alice sia Claudio?? Bah, questo è un quesito che forse non si risolverà mai. Non aggiungo altro per non rovinarvi tutto. 



La mia valutazione
5


Alla prossima
Luce <3




“È meglio un amore non corrisposto che un amore corrisposto a metà. Chi ci ama poco ci fa soffrire decisamente di più di chi non ci ama affatto.” 




3 commenti:

  1. Ciao! Ho visto la serie tv e l'ho trovata molto divertente :-) Mi piacerebbe leggere i libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, recuperali quando riesci perché ne vale la pena!

      Elimina
  2. Devo assolutamente trovare il tempo di iniziare questa serie! :)

    RispondiElimina